Sai come ricostruire in maniera corretta gli sciroppi per bambini?

In alcuni casi,ricostruire gli sciroppi per bambini, può essere difficile perché non sempre le indicazioni sono chiare.
Il primo problema è la ricostruzione dello sciroppo, questi sono venduti sotto forma di polveri alle quali va SEMPRE aggiunta dell’acqua.
In alcuni casi le indicazioni sono chiare e non ci sono problemi, in altri l’operazione diventa una sorta di “mission impossible” che potrebbe, se non ben eseguita, in alcuni casi, portare a intossicazione dei piccoli pazienti.

Vediamo qualche consiglio

Un primo consiglio è quello di lavarsi accuratamente le mani prima di iniziare a miscelare acqua e polvere.
Verifica di aver ben capito la procedura da seguire. Leggi attentamente le istruzioni, prima quelle scritte sulla scatola di cartone all’esterno e se necessario quelle sul foglietto illustrativo.
Cerca la sezione MODALITA’ DI PREPARAZIONE DELLA SOSPENSIONE
Qui viene spiegato quanta acqua aggiungere alla polvere dell’antibiotico.
Nella maggior parte dei casi troverai scritto “aggiungere acqua fino al segno sulla bottiglia”.
Questo segno può essere una freccia sull’etichetta una scanalatura nella bottiglia.
Oppure ci può essere scritto di aggiungere acqua, mediante un misurino o una siringa contenute nella confezione.
In tutti e 2 i casi l’acqua va aggiunta in 2 operazioni distinte, un primo versamento seguito da una agitazione della bottiglia e un secondo versamento fino a d arrivare a livello segnato sulla bottiglia, sempre seguito dall’agitazione, questo e’ importante soprattutto quando la quantità di acqua non sia predeterminata dalla presenza di siringhe o vasetti misuratori, quindi quando venga richiesto di raggiungere un certo segno sulla bottiglia.
Prima di aggiungere l’acqua è sempre meglio agitare la bottiglia, in modo da evitare il compattamento della polvere sul fondo.
Cerca anche la sezione SCADENZA E CONSERVAZIONE

Qui troverai l’indicazione di quanti giorni potrai conservare la soluzione ricostituita, di solito la durata è di 7 giorni, ma può arrivare a 10 per l’azitromicina o 14 per la cefixima.
Troverai anche la temperatura a cui conservare lo sciroppo ricostituito. Può essere temperatura ambiente, sotto i 25° o tra 2° e gli 8°, quindi in frigorifero.

Leggi anche:L’acne neonatale

Scritto da:

MammeinTilt

Siamo accoppiatrici professioniste di calzini, detector di oggetti smarriti, campionesse mondiali di occhiatacce.