la separazione

“Tutte le famiglie felici si somigliano;

ogni famiglia infelice è invece disgraziata a modo suo..”

Ma esiste davvero un solo modello di felicità familiare?

Ciò che appare è realmente ciò che è?

Quante famiglie ha messo a dura prova questo lockdown?

Guardandomi intorno vedo famiglie che in un mondo sempre meno a misura di famiglia cercano di correre la propria olimpiade quotidiana tra scuola lavoro sport dei figli e tanto altro.

Credo ci sia davvero troppo altro che riempie lo spazio destinato a un essenziale che non trova mai il tempo di essere vissuto.

Tante famiglie smettono di crederci e le direzioni cambiano, cambiano le scelte..e si avvicina lo spettro della separazione..

Ma cosa è la separazione?

Fallimento o opportunità di una nuova felicità più consapevole?

Dopo la mia separazione mio marito mi ringraziò perchè grazie alla separazione aveva imparato a fare il padre e a godersi del tempo con suo figlio.

Ma abbiamo davvero bisogno di perderci per ritrovarci?

Oramai non ricordo più il giorno della mia udienza, ma mi viene in mente che è stata la scelta più giusta della mia vita..ogni volta che io e mio figlio partiamo per una nuova avventura..io, lui e il nostro futuro!!

C’e futuro dopo!

La cronaca ci riporta spesso notizie terribili su uomini e donne che non accettando la separazione pensano che l’unico modo di stare sempre tutti insieme sia quello di farla finita.

La separazione non uccide!

Uccide l’incapacità di andare avanti e di ricostruirsi..uccide l’incapacità di chiedere aiuto, uccide l’egoismo di togliere all’ex o addirittura quasi ex i suoi figli per tutta la vita..

Davanti a certe notizie ho pensato a quante donne in procinto di separarsi avrebbero fatto un passo indietro..e a quanto sarebbe stato ingiusto..

Sembra quasi un tabù la separazione, se ne parla ma non troppo, e mai facendo trasparire il potenziale lato positivo di aver fatto una scelta per se stessi, per non soccombere a una vita che ci stava stretta..

Non è facile occuparsi di tutto da soli ma è una sfida che vale la pena accettare perchè in cambio c’è un montepremi unico: la nostra rinascita!

All’inizio tante mamme mi guardavano come la mamma strana, da scrutare, evitare, la mamma che aveva altre priorità, che disponeva di ogni singolo minuto della sua esistenza senza sensi di colpa..la mamma che aveva rotto gli schemi!

E ora? Ora sono semplicemente Nadia..la mamma che fa trekking, la mamma che ha guardato con suo figlio il tramonto su un monte, la mamma che fa il week end con il suo novo compagno, la mamma felice..sono semplicemente io..la parte più bella di me!

Ascoltatevi, oltre ogni giudizio, cercate la vostra vera essenza, ovunque dovunque e comunque..

Se avete una famiglia felice abbracciatela ogni giorno, ma se non è così abbracciate voi stessi e andate avanti!

 

Leggi anche:Il trekking urbano, la natura ci aspetta sempre

 

 

Scritto da:

Nadia

Mamma single di Luca